Chi è Giuseppe Mazzini? Fatti che dovresti sapere

Giuseppe Mazzini e le sue attività

Giuseppe Mazzini era un attivista, giornalista e politico in Italia. E’ la punta di diamante del movimento rivoluzionario italiano e noto per essere attivista per l’unificazione dell’Italia. I suoi sforzi hanno contribuito a portare l’Italia unificata e indipendente al posto di alcuni stati separati, per lo più dominati da potenze straniere, che esistevano fino al 19° secolo. Inoltre, ha contribuito a definire il moderno movimento europeo per la famosa democrazia nello stato repubblicano.

Il pensiero di Mazzini ebbe un’influenza considerevole sui movimenti repubblicani europei e italiani nella costituzione italiana sull’europeismo su molti politici dell’ultimo periodo tra cui il presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson.

Giuseppe Mazzini e le sue attività
Giuseppe Mazzini

Tuttavia, durante l’adolescenza, si è impegnato per la causa dell’unità e dell’indipendenza italiane. Costretto all’esilio nel 1831 per attività rivoluzionarie, iniziò a reclutare seguaci e ad organizzare le rivolte contro i governanti dei diversi stati italiani. La giovane Italia o Giovine Italia, la sua associazione, fu fondata nel 1830 e attirò gli aderenti in tutta la penisola e tra gli esiliati politici italiani.

Ad eccezione di Giuseppe Garibaldi, nessun leader italiano del Risorgimento ha goduto di popolarità internazionale come Mazzini. La sua visione della rivoluzione si estese oltre l’obiettivo limitato dell’unità nazionale italiana. Gli obiettivi primari di Mazzini erano la fine dell’egemonia austriaca italiana e del potere temporale del papa, la liberazione degli individui oppressi, la democrazia, il repubblicanesimo e l’unità italiana.

Chi era Giuseppe Mazzini

Mazzini credeva anche che uniti sotto Dio e il popolo, gli italiani avrebbero raggiunto il successo cavalcando loro stessi come i diversi sovrani e stabilendo la repubblica unitaria democratica con la capitale di Roma. La nuova Italia potrebbe condurre alcuni soggetti alla libertà e incarnare la terza Roma, successore della Roma papale e antica. La nuova Europa sostituirebbe il vecchio ordine che è controllato non dai sovrani ma dal popolo.

Mazzini e le sue attività

Nel 1840 Mazzini divenne il leader del movimento rivoluzionario nazionalista italiano. Il suo appello agli italiani era impareggiabile, restivo sotto governi oppressivi, una volta non contestato. Gli artigiani e gli intellettuali, uomini e donne, gli hanno risposto. Molte persone hanno perso la vita preziosa nelle rivolte abortive che sono ispirate da tutti i suoi insegnamenti.

I sogni di Mazzini sembravano essere realizzati nel 1848 quando la notizia di rivoluzioni di successo in tutta Europa lo raggiunsero in esilio inglese. Man mano che le rivoluzioni avanzavano sulla penisola italiana, arrivò a Milano. Venne accolto con entusiasmo dalle persone, meno dai leader.

Giuseppe Mazzini 1/2 – la storia siamo noi

Divisi sull’opportunità di accettare gli inviti del Piemonte-Sardegna a far parte di un grande regno sotto il re Carlo Alberto in cambio dell’aiuto militare di quest’ultimo contro l’Austria, si risentirono della presenza di Mazzini e dei suoi consigli nel mettere da parte le differenze politiche per collaborare con Carlo Alberto per l’unità nazionale.

Giuseppe Ferrari, Carlo Cattaneo e alcuni leader repubblicani della rivolta milanese proposero di rovesciare il loro governo provvisorio e di chiedere aiuto francese contro l’Austria il 30 aprile 1848. Mazzini si era opposto a loro, il che sollecitava il sostegno agli sforzi dell’esercito italiano e monarca, invece di fare appello alle truppe straniere. Ha suscitato arrabbiate critiche da parte dei leader repubblicani che hanno accusato Mazzini di tradire i principi della repubblica. I litigi si dimostrarono inutili. Le forze contro l’esercito piemontese furono raggruppate da Marshall Radetzky che avrebbe combattuto il 25 luglio 1848 a Custozza per ristabilire il controllo austriaco sulla Lombardia.

Giuseppe Mazzini
La statua Giuseppe Mazzini

Nel frattempo, gli eventi a Roma si sono radicalizzati. Dopo l’assassinio del ministro pontificio e la partenza di Papa Pio IX dalla città il 24 novembre 1848, i romani proclamarono la repubblica entro gennaio 1849 e Mazzini fu invitato a unirsi a loro. L’arrivo di Mazzini segnò l’inizio del drammatico periodo della sua vita. Eletto Triumvirate, l’organo esecutivo della repubblica, ebbe la possibilità di partecipare attivamente per gettare le basi per ciò che voleva sarebbe diventato un nuovo paese democratico unito repubblicano d’Italia.

Era dal 1834 quando pianificò le rivoluzioni da lontano mentre alcuni avevano rischiato la vita. In questi giorni, come Triumvirate della Repubblica Romana, è diventato un partecipante attivo a quella che è rimasta la sua esperienza rivoluzionaria. Come alcuni regimi ribelli in tutta la penisola, la repubblica romana ebbe una vita intensa e breve. In risposta all’appello di Papa Pio IX, i soldati francesi apparvero a Roma il 20 aprile 1849. Poi, iniziò la coraggiosa e futile difesa della città. Le diverse riforme pianificate da Mazzini non influirono sulla sopravvivenza e divennero motivo di preoccupazione. La città non riuscì a resistere ai francesi e Roma aprì le porte alle truppe della Seconda Repubblica il 3 luglio 1849. Il 1 luglio, 2 giorni prima dell’entrata delle truppe francesi, la costituzione della Repubblica Romana fu approvata dall’Assemblea eletta. Viene proclamato solennemente nel municipio 2 giorni dopo mentre i francesi occupavano tutta la città.

Non molestato dal presidio francese, Mazzini rimase a Roma fino a luglio quando lasciò il paese per l’esilio. Non ha mai smesso di cospirare. Tuttavia, il rivoluzionario stile che ispirò i nazionalisti italiani seguì Mazzini prima che l’anno 1848 svanisse. Le rivoluzioni degli anni 1848 e 1849 conclusero la fase rivoluzionaria del Risorgimento e segnarono l’inizio del riallineamento delle forze politiche in Italia e in tutta Europa.

Mentre Mazzini ha grande stima, affetto e rispetto, i nazionalisti italiani hanno iniziato a rivolgersi alla leadership monarchica offerta da Vittorio Emanuele e Camillo Benso di Cavour. Nell’anno 1861, il regno d’Italia fu proclamato nella capitale di Piemonte-Sardegna, conosciuta come Torino, dal Parlamento in rappresentanze elette in tutta Italia tranne Roma e Venezia. Il disilluso Mazzini non accettò la monarchica Italia unita e continuò ad agitarsi per la repubblica democratica fino alla sua morte nel 1872.

L’eredità di Mazzini

Il pensiero sociopolitico di Mazzini è popolarmente noto come Mazzinismo e Concezione Mazziniana è il termine per la sua visione del mondo. Tali termini furono usati da Benito Mussolini e dai fascisti come Giovanni Gentile per descrivere la concezione spirituale e l’ideologia politica della loro vita. Mazzini è anche descritto come il più influente rivoluzionario d’Europa da Metternich.

Post simili: