L’Italia del curling sogna con il duo Costantini-Mosaner

AGI – Alle Olimpiadi di Pechino c’è un sogno azzurro nel curling, sport che in Italia non supera i 400 tesserati e che si pratica principalmente in tre luoghi: Pinerolo in Piemonte, Cembra in Trentino e Cortina d’Ampezzo. Il curling italiano o, per restare in argomento, il ‘piccolo stone azzurro’, ancor prima della cerimonia d’apertura si è messo decisamente in evidenza con quattro vittorie in altrettante partite nel doppio misto.

Artefici di questo eccellente avvio sono una 22enne poliziotta ampezzana, Stefania Constantini e un 26enne aviere trentino, anzi, cembrano, Amos Mosaner. Dopo aver sconfitto nell’ordine Stati Uniti, Svizzera nella giornata di ieri e oggi Norvegia (11-8) e Repubblica Ceca (10-2), la coppia italiana è al comando del round robin del torneo olimpico del doppio misto.

Stefania e Amos, allenati da Violetta Caldart, ex giocatrice di curling, sul ghiaccio del National Aquatics Centre della capitale cinese – nel 2008 in questo impianto Federica Pellegrini vinse l’oro olimpico nei 200 stile libero – stanno giocando molto bene sotto l’aspetto tattico.

Magistrale e incredibile è stato l’ultimo stone per il punto della vittoria all’extra end della Constantini nella partita contro gli elvetici. La giornata era iniziata un po’ in salita perché i norvegesi, vicecampioni del mondo, Kristin Skaslien e Magnus Nedregotten nei primi end hanno messo in difficoltà gli azzurri. Decisivo l’ottavo e ultimo end con Stefania e Amos che hanno piazzato il decisivo parziale di 2 a 0.

Più agevole il compito contro la Repubblica Ceca grazie ad una condotta eccezionale di gara del tandem italiano. “Sono due vittorie che servivano, sono davvero importanti per proseguire bene l’Olimpiade – ha detto Costantini al termine dei due incontri -. Contro la Norvegia, dopo un inizio un po’ strano, abbiamo tenuto duro in un match con errori da entrambe le parti. Contro la Repubblica Ceca abbiamo disputato la nostra miglior partita sin qui del torneo con una performance solida riuscendo a mettere pressione agli avversari e restando incisivi conservando sempre il vantaggio. Ora serve restare concentrati per dare il massimo anche nelle prossime sfide”.

Domani Stefania ed Amos affronteranno prima l’Australia (ore 14,05 locali, le 7,05 italiane) e successivamente la Gran Bretagna (ore 20,05 locali, le 14,05). Le prime quattro coppie al termine del round robin accedono alla semifinale, le due vincenti approdano in finale.  

Post simili: