Ansia e scarsa memoria? Ci pensa Madre natura

Ginkgo biloba

Ginkgo biloba

Il ginkgo biloba sembra migliorare la circolazione sanguigna, il che potrebbe aiutare il cervello, gli occhi, le orecchie e le gambe a funzionare meglio. Può agire come antiossidante per rallentare il morbo di Alzheimer e interferire con i cambiamenti nel cervello che potrebbero causare problemi di pensiero. I semi di ginkgo contengono sostanze che potrebbero uccidere i batteri e funghi che causano infezioni nel corpo. I semi inoltre, contengono anche una tossina che può causare gravi effetti collaterali come convulsioni e perdita di coscienza: va quindi usato solo sotto controllo medico.

Ginkgo biloba
Ginkgo biloba come integratore alimentare

Usi ed efficacia del ginkgo biloba

La ricerca mostra che l’assunzione di un estratto di ginkgo biloba per 4 settimane può ridurre i sintomi dell’ansia. È inoltre utile nella cura di malattie, come il morbo di Alzheimer, che interferiscono con il pensiero (demenza). L’assunzione giornaliera di 240 mg di ginkgo può migliorare leggermente i sintomi della demenza. Ma non è chiaro come si paragoni ai farmaci convenzionali usati per la cura di questa malattia. 

Video: Ginkgo Biloba

Il ginkgo biloba viene usato anche per la cura della sindrome premestruale (PMS). L’assunzione dell’estratto di foglie di ginkgo per via orale sembra alleviare la rigidità del seno e altri sintomi associati alla sindrome premestruale quando iniziata, durante il 16 ° giorno del ciclo mestruale e proseguita fino al 5 ° giorno del ciclo successivo.

La ricerca mostra che l’assunzione giornaliera di ginkgo biloba (maggiori informazioni su Vegamega) in aggiunta ai farmaci antipsicotici convenzionali per 8-16 settimane può ridurre i sintomi della schizofrenia. Può anche ridurre alcuni effetti collaterali come la sete e la stitichezza e gli effetti avversi associati al farmaco antipsicotico, aloperidolo.

Post simili: