Il principale dispositivo di sicurezza di un’automobile

Com’è strutturato lo specchietto retrovisore

Sono abbastanza sicuro che dal titolo starete pensando alle cinture di sicurezza o, se siete un po’ più tech oriented, agli air bag, la sensoristica e tutta la componentistica elettronica dedicata. In realtà è tutto molto più semplice e decisamente più analogico, almeno nella sua versione più semplice. Sto parlando dello specchietto retrovisore.

Lo specchietto retrovisore cos’è?

Lo specchietto retrovisore è semplicemente un dispositivo che consente al conducente di vedere dietro il veicolo. Di solito trova posto nella parte superiore del parabrezza all’interno dell’abitacolo.

Tipi di specchietto retrovisore

Questo dispositivo è uno dei dispositivi di sicurezza più basilari ma essenziali nel veicolo, molto più di quelli elencati in precedenza. Fornisce assistenza al conducente durante il sorpasso, il parcheggio in retromarcia e permette di verificare la possibilità di sosta senza essere si intralcio ad altri veicoli. In generale, non funziona da solo però: tutti i veicoli hanno anche una coppia di specchi fissati alla carrozzeria dall’esterno. Sono quelli che conosciamo come “specchietti laterali” o specchi retrovisori esterni  che hanno lo stesso scopo ma dandoci una visione laterale dando una panoramica più ampia in tripletta con lo specchietto retrovisore.

Com’è strutturato lo specchietto retrovisore

A fissare lo specchietto retrovisore c’è un’ancora che lo fissa al parabrezza con uno speciale tipo di snodo chiamato snodo “girevole”. Questo particolare snodo è molto utile perché consente al guidatore di regolare lo specchio in base alla sua posizione di seduta che non è uguale per tutti.

Al giorno d’oggi, i produttori producono specchi utilizzando lenti convesse invece del vetro semplice usato in precedenza. L’uso di lenti convesse ha sostanzialmente aumentato la capacità degli specchi di cogliere le immagini più distanti garantendo un ampliamento dei tempi d’azione e reazione al guidatore.

Tuttavia, gli oggetti che vediamo nello specchietto retrovisore sono più vicini di quanto sembrino effettivamente. Pertanto, i produttori stampano un messaggio di avvertimento sullo specchietto retrovisore che indica “gli oggetti nello specchietto retrovisore sono più vicini di quanto appaiano”. Quindi, nel caso in cui vorreste staccarlo senza farci caso sappiate che è stato messo lì per evitare incidenti.

Tipi di specchietto retrovisore

Pensavate ce ne fosse solo uno? Invece no. Vediamo quali sono i tipi di specchietto retrovisore, che possono essere acquistati presso il negozio online Silux.it, utilizzati comunemente dalle automobili moderne:

Specchi antiriflesso: sono anche noti come specchi “Giorno / Notte” e possono essere gestiti in due posizioni, una di giorno e una di notte: da qui il nome. A cosa serve? Potrebbe ridurre considerevolmente il raggio di luce riflessa che penetra negli occhi del conducente. La loro forma a cuneo, ovvero una forma leggermente triangolare, che conferisce a questo tipo di specchio retrovisore questa proprietà.

Specchietto retrovisore

Specchi dimmer automatici: questi sono il tipo di specchietto retrovisore più moderno e tecnologicamente avanzato. Sono sistemi che utilizzano sofisticati componenti elettronici per ridurre l’intensità della luce che cade su di essi. Funzionano sul principio dell’elettrocromismo.

Vengono chiamati anche specchietti a oscuramento automatico poiché sono il tipo di specchietto retrovisore che possiede capacità di oscurare la luce che si riflette sulla loro superficie. Questi specchi riducono in modo significativo l’abbagliamento della luce proveniente dai veicoli posteriori, riducendo così l’affaticamento oculare del conducente. Naturalmente, tali specchi si rivelano molto utili durante la guida su strade trafficate di notte. Lo specchietto retrovisore di questo tipo può essere del tipo montato sia interno essere di questo tipo.

Un rapido sguardo alla storia rivela che gli specchi con oscuramento automatico sono stati inventati alla fine degli anni ’50. Tuttavia, la loro applicazione commerciale è iniziata dopo l’anno 1980. 

Il miglior tipo di specchietto retrovisore

Il bagliore della luce da dietro che si riflette dallo specchio irrita molto il guidatore mentre guida di notte su una strada trafficata, più di quanto pensereste. Da questo ne risulta anche una scarsa visibilità. L’esposizione prolungata a tale luce provoca una grave tensione negli occhi del conducente. Secondo studi scientifici, un simile bagliore raddoppia il tempo di risposta del conducente, aumentando così il rischio di incidenti. I produttori utilizzano specchi con oscuramento automatico per evitare tali incidenti. Ora, questi specchi stanno guadagnando una rapida popolarità nel settore automobilistico. 

Per quanto quindi si tratti di uno strumento che, già con la sua semplicità, aiuta tantissimo durante la guida, se siamo in fase di scelta non possiamo che optare per uno specchietto retrovisore a oscuramento automantico.

Post simili: